Il vino è la più salutare e la più igienica delle bevande (Luis Pasteur).

Riguardo a noi


Fondata nel 1980 al centro della valle Telesina, la nostra azienda punta alla produzione di vino Aglianico,  Falanghina e Barbera Beneventano IGP.
Oggi la Vini Abate conta circa 30.000 mq. di superficie di cui 3000 coperti con una capienza totale in silos di acciaio di circa 150.000 hl con una capacita' produttiva di circa 200.000 kg di uva ora e dispone di 2 linee di imbottigliamento aventi la capacita' produttiva di 16.000 bottiglie ora.
La vini Abate dispone delle più moderne tecnologie per poter ottenere vini bianchi di alta qualità avendo silos per oltre 40.000 hl con tasche refrigeranti per le fermentazioni a temperatura controllata e circa 18.000 hl in vinificatori per la fermentazione delle uve rosse.

Riguardo a noi

VINI


Territorio


Telese Terme Citta' del Vino
 Qui, come in tutto il beneventano, la vitivinicoltura risale al II secolo a.C. Un’importante testimonianza che i Sanniti si dedicassero alla coltivazione della vite e alla produzione del vino in epoca forse precedente all’epoca romana è che quando sul finire del V secolo a.C. famiglie di stirpe sannita si stabilirono nella Valle del Volturno, si è avuto uno sviluppo economico di queste area grazie alla produzione del Trebula balliensis, così come riferito da Plino il vecchio nella sua Naturalis Historia. In seguito la viticultura conobbe una crisi dovuta al cambiamento del gusto del mercato romano che scoprì i vini più leggeri e profumati dell’Italia settentrionale e della Gallia. Un’inversione di tendenza la si ebbe solo intorno al 500 d.C. grazie ai Longobardi, che non solo importarono vitigni di origine pannonica, ma protessero le vigne dall’espianto addirittura con la pena di morte. Fu poi il vescovo di Benevento, Landulfo, a pretendere che vicino ad ogni monastero fossero impiantati dei vigneti, favorendo il rilancio della viticultura come dimostra la presenza di venditori di vino in documenti del 1100. In questo periodo, e fino al 1400, molti vini beneventani grazie alla possibilità di sfruttare i fiumi navigabili che attraversavano la provincia, arrivavano ai porti di Gaeta e di Napoli i più grandi porti di smistamento dei vini per l’intero Mediterraneo e per i mari del Nord. Oggi come allora l’Aglianico è il vitigno predominate, seguito dal Piedirosso, l’Aglianicone, il Gigante, il Mangiaguerra, la Tintiglia di Spagnala Vernacciola e il Sommarello, mentre tra i vini locali a bacca bianca si notano il Bombino, l’Amoroso bianco, la Passolara, il Greco, la Malvasia, il Moscatello e la Coda di Volpe. Ma dopo l’unità d’Italia nel vigneto sannita vengono coltivate anche altri tipi di vitigni nazionali ed internazionali come il Sangiovese, Barbera, Cabernet Sauvignon, Malbek, Sirah, Erbaluce, Semillon, Pinot e Riesling renano.
Territorio

Contatti


  • Via San Giovanni, 23, Telese Terme, BN, Italia

QUESTO SITO È STATO CREATO TRAMITE